Dopo il successo di Parigi Anna e Giovanni Rossi insieme ai loro consulenti hanno progettato “lo sbarco” nel complesso e straordinario mondo dell’alta moda e del prêt à porter italiano.

Il progetto

LA SFIDA SUL MERCATO NAZIONALE


Il successo di questi anni, il proficuo matrimonio con il fashion designer Giovanni Cavagna, la felice esperienza di Parigi ove il raffinato benché essenziale store in Rue de la Perle nel raffinato quartiere di Marais nel III arrondissement, pieno di boutique alla moda e gallerie d’arte sta diventando un’attrazione per turisti di mezzo mondo, non potevano non indurre Anna e Giovanni Rossi alla sfida più entusiasmante, quella del mercato della moda nazionale.
Un passo importante che, se da una parte richiede notevoli investimenti non solo economici ma anche di organizzazione aziendale e di marketing, dall’altra può rappresentare la definitiva consacrazione del Brand tra i grandi della moda che sanno offrire un prêt-à-porter innovativo per l’uomo e la donna che vogliono stare al passo con i tempi, ma sono attenti alla qualità e al prezzo. Una sfida in cui non poteva mancare Torino che, con la sua formidabile storia nell’universo della sartoria che ha messo le basi essenziali per l’autentico Made in Italy, diventa il palcoscenico di una start-up davvero innovativa.
Qui Anna e Giovanni Rossi vogliono creare la base operativa per l’approccio al mercato con lo scopo di affinare le tecniche di coinvolgimento della rete distributiva dei diversi prodotti che abbracciano, come abbiamo visto, diverse tipologie commerciali: dai capi in pelle, agli accessori, dall’ abbigliamento maschile e femminile ad essenziali e maliziosi elementi di maglieria. Un impegno che comincia oggi, nel 2019 e che tende ad uno sviluppo sistematico nel prossimo triennio con tecniche che forti dell’esperienza parigina ove lo store di Rue de la Perle sta dando slancio al Brand (Y) Edition sul territorio Europeo con interessanti proiezioni verso i mercati asiatici. E in particolare quello Cinese.
Il progetto, apparentemente semplice a raccontarsi, è assai articolato nel suo sviluppo organizzativo, sia per l’impegno all’utilizzo di tessuti e filati Made in Italy avviando una stretta collaborazione con i produttori di cui il Piemonte vanta vere eccellenze, sia per l’analisi delle richieste che nascono dal mercato nelle sue più diverse componenti. Per questo la prima fase riguarderà il Piemonte, ove la Anna Rossi srl intende creare una solida e dinamica unità operativa, nella prospettiva di espandere i propri interessi a livello nazionale. E’ evidente che la strategia non si ferma alla produzione e all’incentivazione delle vendite ma riguarda da vicino il comparto produttivo e la distribuzione cercando una collaborazione fattiva con le Associazioni d’Impresa e di Categoria presenti sul territorio.